Vuoi diventare il Cuoco dei Brownies più buoni del mondo?

[Read more…]

Annunci

Frugoletto e Pio Pio !

No no e no! Non vi sto trascurando affatto cucciolotti anzi direi proprio che sto lavorando duramente affinché a Kodomoland si sfornelli di nuovo senza tregua!

La ricettina di oggi è dedicata a Frugoletto e al suo inseparabile amico pulcino. Frugoletto è abitante di Kodomoland già da un po’ ma purtroppo non ho ancora potuto presentarvelo per bene. Non mancherà di certo l’occasione ma basti sapere  al momento che il dolcissimo Frugoletto non si separa mai dal suo Pio Pio. Insieme ne combinano davvero tante e presto seguiremo le magiche avventure di Frugoletto e Pio Pio qui a Kodomoland. 

Cosa potevano preparare gli abitanti di Kodomoland per presentare a tutti il loro nuovo bellissimo amichetto se non un uovo a forma di pulcino? ( o sarà un pulcino a forma di uovo? uhm…)

E’ facile trovare le formine di silicone dove poter friggere l’uovo in padella: cuori, stelle, pulcini come questi e macchinette! Ma anche trenini, orsacchiotti e conigli eh!

Se hai difficoltà a trovarli però non disperare! Usando le formine grandi da biscotto si può friggere ugualmente l’uovo donandogli una forma divertente e appetitosa!

Al più presto devo fare un mini corso con tutti gli abitanti di Kodomoland e far vedere quanto è facile friggere l’uovo nella formina.

Del resto basta solo un po’ di olio nella padella e far cadere l’uovo dentro la formina. Aspettare che si cuocia a fuoco lento e il gioco è fatto!

L’uovo fritto pasquale Coniglioso per i più piccini

Qui a Kodomoland si era già spadellato un uovo coniglioso ma nella versione bollita. Ricordate? No? Uh…allora clicca qui >>>

A Pasqua ci sono sempre tantissimi coniglietti e pulcini. Ci avete fatto caso? Ehi sto parlando con voi !

Lo so lo so. Siete arrabbiati con me perché non sto cucinando moltissimo con i bimbi di kodomoland ma ci saranno talmente tante sorprese che forse (speriamo) mi perdonerete.

 

Insomma dicevamo? Ah sì. I coniglietti e i pulcini. Avete notato quanti ce ne sono in giro durante il Periodo di Pasqua? Vi va di farne uno davvero speciale per stupire i vostri amici e parenti? Basta un uovo freschissimo, qualche pezzettino di carota e l’immancabile galbanone che tanto piace al Sindaco di Kodomoland: Hendrix.

Due capperi o pezzetti di olive per gli occhi. Ci siamo? E’ facilissimo. Se siete piccini piccini fatevi aiutare da un adulto. Dovrà preparare un semplice uovo fritto. Se si ha  a disposizione una formina per rendere più ovale il volto del coniglio potrebbe essere meglio ma diciamoci la verità: mica i conigli hanno tutti la faccia perfettamente uguale!

Va bene quindi qualsiasi forma. Saranno le orecchie a fare la differenza ! La forma delle orecchie può essere diversa. Un po’ più allungata o tondeggiante va bene lo stesso. Per renderla più credibile un pezzotto di galbanone o sottiletta sarà perfetto. Sempre con le carote si faranno i baffetti.

Ricapitoliamo?

  • friggi l’uovo fritto
  • poggia l’uovo fritto sul piatto
  • taglia le carote a listarelle e poggiale vicino al rosso dell’uovo che sembrerà il nasino. Creerai così i baffetti del coniglio
  • taglia le orecchie. Scegli se adoperare le carote per delle orecchie arancioni o del galbanone se vorrai farle bianche. Sopra poggia poi un pezzo di formaggio o carota a secondo di cosa hai scelto per la base. Creerai un effetto tridimensionale e dettagliato dell’orecchio
  • Poggia due capperi o due pezzetti di oliva nera sopra il tuorlo-naso dando loro la forma degli occhietti. Non hai i capperi e le olive? Non disperare! Poggiaci sopra quello che hai in casa. Anche due pezzetti di pomodorino. Hai visto che i conigli bianchi hanno quasi sempre gli occhi rossi? No?

Umamma ma dove vivi? Corri subito a cercare un coniglio bianco con le pupille rosse!

Ma prima preparane uno per  Pasqua. Sorprendi la tua sorellina! Il tuo fratellino! la tua mamma o il tuo papà o tutti insieme. Oppure semplicemente sorprendi te stesso. Sei un bravo cuoco/brava cuoca ! Non avere mai timore! Riuscirà benissimo. Fidati !

E alla prossima puntata ( prometto: prestissimo) 

Il Pancake di Totoro

Anche questa è una ricetta vecchiotta che ripropongo perchè a Kodomoland piace parecchio, solo che purtroppo non  posso mostrarvi passo passo le diverse fasi della preparazione;  la inserisco ugualmente promettendovi di far meglio la prossima volta. Sono proprio sbadata, uff. 

E’ davvero semplicissimo però realizzare il Pancake di Totoro ! Bastano pochissimi ingredienti! Lo avete visto Totoro, vero? 

Gli ingredienti per tre pancake molto generosi  (quanto Totoro!) e abbondanti (padella piuttosto grande) sono: 130 grammi di farina OO, 1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci,  1 uovo grande, 150 ml di latte intero, 1 cucchiaino di zucchero, vaniglia Bourbon fresca da baccello raschiata precedentemente, burro per friggere.

In una ciotola abbastanza capiente sbatti l’uovo. Metti la farina, il lievito e lo zucchero.  Mescola con cura aiutandoti  con un cucchiaio di legno e aggiungi la vaniglia. Pian piano aggiungi il latte e gira continuamente fino ad ottenere una crema liquida. Stai attento a non far formare i grumi però (quelle palline che a volte galleggiano!) . Lascia riposare l’impasto per venti minuti in frigo. Quando sono passati questi minuti se sei un cuoco alle prime armi chiedi aiuto alla mamma o al papà e riscalda in una padella una noce di burro . Versa quindi una generosa cucchiaiata tentando di dare una forma più rotonda possibile. Cuoci da ambo i lati e aiutati con una palettina per girare il pancake quando sarà cotto da una parte. Lascia raffreddare e con l’aiuto di una forbicina ritaglia dando la forma di Totoro.

Dalla prossima volta troverai qui in dotazione delle formine che potrai stampare e ritagliare così che sarà tutto più semplice! A breve inserirò anche la formina per Totoro. Purtroppo a Kodomoland e negli altri paesi dove abito si lavora tantissimo e non arrivo mai a fare tutto per tempo ma vedrai che pian piano riusciremo!

L’ombrellino di Totoro puoi farlo con un kiwi ma anche con qualsiasi tipo di frutta! Per gli occhi e il panciotto ho usato delle fettine di mela ritagliata mentre per baffi e pupille del cioccolato fondente che solidificherà in brevissimo tempo.

Bento Ponyo

Dalla prossima volta qui a kodomoland si fotograferà passo passo per agevolare la realizzazione ma essendo queste ricettine un po’ vecchiotte, al momento dobbiamo accontentarci.

Ci occorrono: riso, colorante alimentare rosso, colorante alimentare azzurro o blu, 1 fetta di galbanone, 2 uova, verdure per decorare, alga nori o olive nere per fare gli occhi e la bocca.

Bambini volete provate il vostro primo Bento? E allora dite alla mamma di farvi un po’ di riso bianco e due frittatine e al resto ci pensate voi!

Il riso bianco bollito dalla mamma andrà mischiato con il colorante alimentare in gel di colore azzurro e in pochissimi secondi sembrerà davvero il mare. Dopo aver sistemato il riso su un piatto, mettete una fetta di galbanone perfettamente rotonda che vi servirà per fare la faccia di Ponyo (avete visto Ponyo, vero? Se non lo avete fatto non perdete altro tempo. E’ una favola meravigliosa!).

Con l’aiuto della mamma, del papà o di qualche adulto in casa, ritagliate con le forbici la frittata per fare i capelli; e dopo quella per fare il corpo (la frittata rossa per realizzare il corpo si ottiene semplicemente aggiungendo un po’ di colorante rosso in gel prima di cuocerla. Ditelo alla mamma!). In pochissimi minuti Ponyo comparirà e nuoterà nel vostro piatto. A questo punto se vi è rimasta della frittata potete usarla per fare dei pesciolini. Faranno compagnia alla nostra simpatica amichetta!

Qualche verdurina per far sì che sembri davvero un paesaggio marino. Fagiolini o lattuga andranno benissimo. Gli occhi come sempre possiamo realizzarli con i fogli di alga nori che ormai si trovano facilmente al supermercato (con un solo foglietto ne facciamo milioni! ditelo alla mamma!) altrimenti ritagliando piano piano e accuratamente delle olive nere.

Un piatto davvero buonissimo con riso, verdurine e un po’ di formaggio che mangerete molto più che volentieri, vero?

Biscotti Semplici

Dopo la pausa estiva qui a Kodomoland si è pronti per ripartire!

Gli abitanti di Kodomoland si godono un po’ le ultime giornate di vacanze ma a dir la verità non vedono proprio l’ora di riprendere a spadellare! Sarà un autunno e un inverno pieno di idee. C’è già qualche cuoco che scalpita per le preparazioni di Halloween!

Oggi  a Kodomoland si sono cucinati dei biscottini semplicissimi. Occorrono pochissimi ingredienti ma sono gustosissimi. Si possono conservare in una scatola di latta e fare delle nutrienti colazioni e merendeUseremo molto spesso questa ricetta base per fare i biscottini, quest’inverno! 

Presto ci sarà una sorpresa bellissima e un regalo per voi! 

Biscottini ai Cereali, libro delle vacanze, tuffi e mare! Evviva!

La scuola è finita! Non certo per tutti però. Alcuni bimbi devono ancora andare, ma niente tristezza ok?  Niente paura perchè ci si diverte! A volte molto di più di chi resta a casa davanti la tele. 

Tanti giochi e colori a scuola d’estate! Quando ero piccolina io, restavo quasi tutta l’estate fino alle sei del pomeriggio. Ho dei ricordi meravigliosi! Compilavo il libro delle vacanze mangiando ghiaccioli alla menta e passeggiavo in un agrumeto in cerca di mandarini. Disegnavo  e inventavo storie su un muretto pericolante con una lunga scalinata accanto e due leoni di pietra. Due leoni enormi. A volte li cavalcavo e stavo  ferma con la faccia spiaccicata sulla schiena del leone a riflettere. Con la guancia ghiacciata decidevo i nomi dei miei personaggi e le storie dei miei infiniti racconti scritti sul muretto. 

D’ Estate tra mare e divertentissimi impegni si ha davvero pochissimo tempo per stare in cucina ma questo non significa nulla. 

Anche con pochissimo tempo a disposizione possiamo preparare roba gustosa, nutriente e che sbalordirà i nostri amici nel caso in cui li volessimo invitare per una piccola festa come chiusura dell’anno.

E cosa c’è di meglio che i Cereali Biscottosi al Cioccolato? Non occorre il forno! Non occorrono i fornelli! Non soltanto i Cuochi Occasionali possono dilettarsi ma anche i Cuochetti Incompetenti 😀 ! Bastano davvero pochissimi ingredienti e il risultato è assicurato!

Lasagnatoast: La Lasagna di Toast

Il toast! Quanto è buono il toast?! Le Lasagne! Quanto sono buone le lasagne?!

E le lasagne di Toast? Quanto sono buone le Lasagne di Toast? No fermi un attimo. Le lasagne di Toast? E che cosa sono? 

Qui a Kodomoland molto spesso quando si ha poco tempo si prepara questa alternativa allegra e veloce alle lasagne. Non occorre il ragù ma soltanto delle fette di prosciutto e al posto della pasta si usa il pancarrè. La besciamella e il formaggio invece non vengono sostituiti e si usano proprio come nella classica preparazione delle lasagne.

Come? Non sai come si fanno le lasagne?! Umamma! Ma è semplicissimo. Gli ingredienti poi sono quasi sempre in casa, quindi  si possono realizzare senza alcun problema.

Ingredienti : pan carrè, prosciutto cotto, besciamella, formaggio, parmigiano grattugiato.

Per una teglia piccolina non ti occorreranno più di sei toast. Taglia i bordini dai toast e mettili da parte perchè ti potranno servire per altre preparazioni (tipo le polpette!). I bordini dei toast sono quelle striscette marroncine che girano intorno alla parte bianca, per i Cuochi più sbadatini.

Sei fette di prosciutto per sei fette di toast saranno più che sufficienti. Sei fette di formaggio o mozzarella e la besciamella (ahem per l’amoroso Grande Mago Sindaco Hendrix una domandina che sa di supplica: si potrebbe tentare senza galbanone ? Magari per una volta dare un’opportunità alla Signorina Mozzarella? ) 

Come si prepara la Lasagna? Niente di più facile! La lasagna è una specie di lettino. Sì sì un lettino proprio uguale a quello dove dormi ogni notte. C’è prima il copri materasso, poi il lenzuolo, la coperta, un’altra coperta, un’altra coperta….ehi un attimo ma sei freddoloso più di me!?

Si parte da una base di toast. Dopo aver ritagliato i bordini, appoggia i toast sul fondo della teglia. Versarci sopra della besciamella ma non troppo. Deve ricoprire un po’ tutti i toast ma calcola sempre che poi con il calore si allargherà e se ne metti troppo rischi di far scoppiare le lasagne nel forno. Non spaventarti però! Per scoppiare intendo che il troppo liquido potrebbe fuoriuscire dalla teglia quando è nel forno! Sporcheresti tutto e la  lasagna risulterebbe troppo molliccia. La la lasagna molliccia non è mica buona! Dopo la besciamella metti il prosciutto, il formaggio che hai scelto e un po’ di parmigiano grattugiato. Ricopri nuovamente con il toast, la besciamella, il formaggio e il prosciutto, e il parmigiano grattugiato. Puoi terminare la lasagna con pezzettini di toast se ti sono rimasti o tocchetti di prosciutto. L’importante è che alla fine metti un po’ di parmigiano grattugiato (ma non troppo !) così che si possa formare una crosticina croccante sopra. 

In forno per 15-20 minuti a 180 (il forno deve essere già caldo!) e le  lasagne di toast sono pronte.

E’ buonissima la lasagna di Toast! Non dimenticarti che puoi metterci dentro non soltanto il prosciutto eh?! Se ti piacciono le verdure sarebbe da provare la versione con gli spinaci! (mi sa che il Grande Mago Sindaco Hendrix potrebbe pensare ad una versione zucchinosa o sbaglio? Buonissima anche quella!) Sì sì proprio con gli spinaci. Spinaci, formaggio, prosciutto e besciamella. Sai che bontà?! E ti farebbe davvero bene un po’ di verdura in questo piatto buonissimo che può sostituire tranquillamente un primo piatto molto energetico.

E allora?! Buone Lasagne di Toast! (ora dovremmo inventarci i toast a lasagna, giusto?)

Qui a Kodomoland si sta lavorando ininterrottamente per la sezione Attrezzatura e Ingredienti. Ci sono davvero tantissime cose da fare e il tempo non basta mai ma restate sintonizzati perchè a breve ci sarà una sorpresa enorme con dei premi ! Shhh ma non posso dire nulla. Inaugureremo insieme Kodomoland come si deve! 

A presto! E buona Lasagnatoast!

Arrivano le Zucchine Aliene

Un giorno nel lontano pianeta Zucchinaland durante un esperimento in  laboratorio, quattro esperti scienziati zucchinosi si ritrovarono catapultati sul pianeta Terra.

Finirono in un ristorante tra cuochi indaffarati e pentole borbottanti. La prima cosa che notò la Signorina Uchina, allieva del Dottor Zuc, fu che alcuni loro simili erano immersi in una piscina con tantissime bolle. Si chiamava “Idromassaggio Zucchinesco”.

Sembrava proprio che si divertissero. Chiacchieravano, cantavano e parlavano di calcio; solo che il Dottor Zuc, Uchina e gli altri non capivano assolutamente nulla di quello che dicevano.
Avevano paura ad avvicinarsi anche perchè nessuno si era accorto della loro presenza e loro stessi non riuscivano a spiegarsi come fossero finiti lì.
Ino, l’assistente anziano del Dottor Zuc, litigava con Uci, l’ultimo arrivato nel gruppo di sperimentazione nonchè famoso in tutta Zucchinaland per aver partecipato a un reality famosissimo che si teneva nel loro pianeta. Uci era sempre troppo pieno di sè e anche in quell’occasione non mostrava di essere diverso. Continuava difatti a dire che lui sapeva perchè fossero finiti lì.
“E’ colpa di Uchina! ha messo troppo clorato di zucchinaformio nell’ampolla!”
Mentre Uchina, Ino e Zuc continuavano a litigare,il coraggioso Dottor Zuc si avvicinò a quell’enorme contenitore rosso dove vi era quel liquido che produceva tante bolle con i loro simili dentro.
“piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi” disse.
Nella sua lingua significava “Buongiorno Gentil Signori. Potreste dirmi cortesemente dove mi trovo? Mi chiamo Zuc e sono un Dottore del terzo dipartimento di Ricerca Aliena del pianeta Zucchinaland”
Le zucchine terrestri che stavano facendo quell’idromassaggio in pentola però capirono solo “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi” .
Fecero quindi delle facce perplesse ed una di loro disse “Mi scusi non ho capito nulla. Può ripetere?” ma il Dottor Zuc capiì solo “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi”
Qualsiasi cosa dicesse il Dottor Zuc per gli altri si trasformava in “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi” e qualsiasi cosa dicessero le zucchine terrestri veniva trasformata in un “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi”.

Mentre Uchina, Ino e Zuc continuavano a litigare, il dottor Zuc fu all’improvviso buttato dentro la pentola da un cuoco frettoloso che gridava “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi” per il Dottor Zuc e “Presto! Zucchine lesse al tavolo tre !” per le zucchine terrestri.

Ancora oggi a distanza di anni a Zucchinaland continuano le richerche del Dottor Zuc e del suo staff.
A Zucchinaland non sanno che il Dottor Zuc, Uchina, Ino e Uci si trovano dentro uno stomaco umano. Lì hanno costruito un laboratorio di fama internazionale e inventato tantissime soluzioni per far star bene questa gente strana che dice continuamente: “piri pirirpirirpiirirpirii pi rir pirirpipirpi”. Sono molto utili all’interno della loro nuova casa; difatti avere degli zucchini, sia terrestri che extraterrestri, nello stomaco fa talmente bene che riesci a capire qualsiasi lingua. E oggi giorno, capperi se è importante!

E’ in partenza il Trenino Zucchino !

Sul Trenino Zucchino sale gratis ogni bambino.
E’ di un colore verdino e fa ciuff ciuff ogni mattino.
Il trenino Zucchino parte da Pechino e arriva a Pachino.
I sedili sono a forma di Tacchino e a cuoricino il finestrino.
Il capotreno Tino è vestito di lino e il controllore Pino indossa uno strambo pigiamino.
E’ bizzarro ma non è carino il  trenino Zucchino?

Chissà perchè ma le zucchine non fanno molta simpatia ai bambini. Io ad esempio quando ero piccola fuggivo a gambe levate. No. Non è che mi levassi le gambe e corressi anche perchè senza è davvero difficile. Tu lo sai mica perchè si dice a gambe levate? Se lo sai scrivimi in email. Usagi (non ti ricordi chi è Usagi? clicca qui !) il misterioso bambino (o bambina?) travestito da coniglio mi recapiterà le vostre lettere. E’ sempre ritardatario ma con la posta di Kodomoland non ci scherza mica,  perchè sa che potrei arrabbiarmi e non preparargli i suoi biscottini preferiti.

Le zucchine in realtà sono buonissime anche semplicemente bollite! Uffa non mi credete?  E non solo sono gustose ma fanno anche bene perchè contengono anche tanta Vitamina C ! E noi su questa Vitamina C dovremmo di certo tornarci al più presto. Per un pranzetto leggero e nutriente, magari dopo un piattino di pasta con il pomodoro fresco, un Trenino Zucchino sarebbe davvero l’ideale! Perchè? Perchè il trenino zucchino è formato da verdura e carne! Bastano due zucchine e due wurstel piccolini per fare un Trenino Zucchino ma se siete dei bimbi affamati e forti potete farne anche tre! Anche quattro! Anche cinque! Oh ma non deragliamo però!

Il gusto del wurstel, che è sempre accattivante per i più piccini, farà “dimenticare” la presenza della zucchina per i più recidivi e tuppete! (qui non si dice voitlà! si dice : Tuppete!) Il Trenino zucchino è pronto per entrare nella galleria Bocca !

Come si prepara il Trenino Zucchino? Niente di più semplice. Facendosi aiutare da un adulto se siete bimbi piccini piccini, prima di tutto. E’ una ricetta per Cuochi Occasionali ma dipende sempre dalla vostra età e da cosa Mamma, Papà, Nonna (etc) hanno deciso per voi.

Occorrerà per un vagone abbastanza lungo:

Ingredienti: 2 Zucchine, 2 Wurstel piccolo, mezza oliva nera (e da lì che fuoriesce il fumo ciuff ciuff!)

Dentro un pentolino versare l’acqua e fare bollire. Mettere 1 cucchiaino di sale. Quando l’acqua bolle mettere dentro la zucchina per 6 minuti almeno. La cottura dipende dalla grandezza della zucchina. Per essere sicuri che sia cotta con l’aiuto di una forchetta punzecchiarla un po’. Se la forchetta entra nella zucchina facilmente togliere immediatamente dal fuoco. La zucchina diventa mollicccccia subito! State attenti!

Tagliare in tante piccole “ruote” i wurstel piccoli . In una padella calda (oh! Non fatemi spaventare! Fate tutto con la presenza di un adulto!) mettere le ruote di wurstel e farle riscaldare un po’. Non troppo altrimenti le ruote si deformeranno e il trenino Zucchino andrà in assistenza e non potrà partire per la Galleria Bocca. E noi non vogliamo che accada questo!

Con l’aiuto di uno stuzzicadenti infilzare ai lati della zucchina le ruote di wurstel e mettere in cima all’inizio della zucchina la mezza oliva nera. Se si vuole rendere ancor più bello il Trenino Zucchino, con l’aiuto di un coltello si potranno ricavaretanti piccoli buchetti a forma di rettangolo per fare i finestrini.

Sono operazioni semplicissime che potrebbero però diventare pericolose quindi anche se siete dei Cuochetti Professionisti prestate attenzione!

E ora andiamo subito a Pachino! Anzi no! Parte da Pechino. Mamma mia, siamo in ritardo?